lirik.web.id
a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z 0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 #

lirik lagu 13 bastardi – per volere degli elementi

Loading...

[strofa 1: domasan]
“sveglio!”
oggi è buio più del solito
cose che capitano
bisogna aspett-rs-lo
ma se capisci il metodo e mantieni l’occhio nitido
eviterai di sentirti spesso in bilico
le cose vanno sempre bene solo dentro i sogni
da parte mia ho smesso di inseguirli già da anni
cercando la sintonia degli elementi
meglio che scegli, è inutile che parli
se poi quello che dici manco lo senti
è inutile che ascolti
se poi non capisci ma comunque fingi
tanto è più comodo, meglio essere bush
meglio andare in giro in cerca di qualcosa che restare fermi
ma che cazzo ridi?
piuttosto dimmi: tu in che cosa credi?
è inutile che aspetti chissà quale grazie scenda dal cielo
dio è morto, l’hai ucciso con le tue preghiere
non ti aiuteranno, non ti salveranno se non hai la forza
resto pr-nto per la pioggia, pr-nto per la guerra
cerco pace ma nel caso combatterò per la mia vita
contro pericoli che non conosci
che non sospetti e a cui mai crederesti
se la cosa ti è più facile puoi anche non pensarci
non ho niente da insegnarti e non è così importante in fondo
è una scelta personale per la quale io combatto
al momento sopra un palco
scatenando un energia che trovo nel microfono e il suo epicentro, spostando
giorno dopo giorno sempre più avanti la linea del traguardo
poi chissà, continueremo camminando per strade diverse di questa città
alla ricerca comunque di quell’unica verità inafferrabile come il santo graal
per questo andiamo sempre avanti, troppo distanti
irraggiungibili perché convinti del potere degli elementi

[ritornello: dj drako]
“sveglio! tieniti sveglio!”
“se la mente cede non hai scampo”
“sveglio! tieniti sveglio!”
“non fa per te strisciare nel fango”

[strofa 2: joz]
vien’ vien’ cu me, mo tras’ ca
t’ racc-nt’ tutt’ ch-ll’ ca nisciuno sap’ ch’è stat’
di quel ragazzo che come me e te
pitta in facc’ ai mur e fa rap
dimmi che c’è che dentro di me brucia il vuoto
ch-ll che nun e’ mai vist’ nun ‘o vir’
è inutile che p-ssi dopo, ogni lasciata è persa
a lama t’aspett depressa [?] ncopp a ch-lla port’
a te la scelta, diventare una cima o una foglia secca
un’altra lepre che il tempo bracca
nella stagione della caccia
c’è chi gira col fucile a canna mozza
e chi con carta straccia
io la seconda, della prima solo mana, mozza
un vento che porta pioggia e acqua
col freddo prende forma e si stabilizza
lo stesso fa il mio flusso su una base quando cambia
sciolto, forse troppo sciolto
qualcuno se fa caldo è tosto, se fa freddo è sciolto
non hanno spirito d’adattamento
questo non è un film questo è il quinto elemento
oh fra’, tieniti bene, prepara i popcorn
quello che vedrai non sarà mai più rivisto
non c’è pellicola che resiste all’impatto doppio
cinque: l’elemento, tredici: il b-st-rdo
quello che cerchi sta davanti a te, no pacco doppio impatto
che ‘e fa, l’e ‘vè?
un e un è pe te, un e tre pe me

[strofa 3: ekspo]
‘e tiemp cagnan’, ‘e c-mpagn’ s’ impogn’n, ‘e mamm’ chiagn’n
nierv ch’ saglien a sul chi ‘e pensier’ ro’ mal’ ca abbaglian’
s’ pensn ‘e m’ coglier’ sbaglian’
se taglian’ e ‘ncaglian’ alla partenza
element’ ‘a sap’ ‘a differenz’
o buon’, ‘o malament’
o bianc, o nir’ ch’ crir’
ca ch-lla ca nn’ vir’ nt’accir?
staje fore!
cagnan culor m’ancor’
staje tu rint’o mirin llor
n’è ccos chiù, n’accus ciù, n’arrpos chiù
si vac ‘nterr j nun m’ sos chiù
come pinuccio ‘o ssacc’
ma stu core rest ‘e ghiacc’
pure si ‘a temperatur saglia ancor’ ‘e chiù
senza scus’, fors av’ ragion patem’ c’o cas è chius’
fors val la pena e cagnà sta vit’ illus
si agg’ refus, perché me spart t’ ‘e part
ma ‘n port maje na lir ‘a cas
tras e jesc’ superflu, super flash
tu si trash e ‘n si capac’
‘e sord so’ e cart e a carta brucia
quant e lloro port’n na croce
na vita sana ma nun ver’n a luce
c’hanna verè? ma napl è chest e ‘n fa pe’ me
t penz cha vennenn’t l’an’ma a sti chiavc e risolt o problem
si nu scem!
si o cap ‘de sciem!

[ritornello: dj drako]
“sveglio! tieniti sveglio!”
“se la mente cede non hai scampo”
“sveglio! tieniti sveglio!”
“non fa per te strisciare nel fango”