lirik.web.id
a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z 0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 #

lirik lagu kira (ita) – roma chiedeva

Loading...

[testo di “roma chiedeva”]

[strofa 1]
roma chiedeva nuova merda e noi l’abbiamo hittata
a parte qualche mio fratello, il resto è da b~ttare
un circolo di polli pr~nti da spennare
da un vicolo cieco mi sono aperto un paio di strade
io crescevo troppo in fretta mentre con me cresceva
l’odio che mi porto appresso verso tutto il sistema
i cazzi miei so’ sempre il doppio di quelli del giorno prima
non starei tranquillo manco andassi avanti a dosi di morfina
scrivo diretto perché so che così arriva
nel cervello di chi ascolta, faccio una radiografia (senti, senti, senti)
partito dall’ultimo posto della griglia
dammi un paio di giri е ridivento il primo in pista (ah)
porto sul set la vita mia perché è già un film soltanto sе descritta
non mi serve il video con il mitra che neanche spara vernice
alla prossima roba, ci metto la firma, facciamo guernica
il contratto che firmi è solo una rapina

[ritornello]
‘st’anno è nostro (è nostro), nun ve lasciamo niente (a merde)
se qualche stronzo s’offende, pagasse da beve’ (paga, paga, oh)
giù co’ eddy a scrive’ hit fin quando non succede
che c’ho i soldi in tasca pe’ scoattamme ‘na mercedes, merde
‘st’anno è nostro (è nostro), nun ve lasciamo niente (un cazzo)
se qualche stronzo s’offende, pagasse da beve’ (oh, e paga)
giù co’ eddy a scrive’ hit fin quando non succede
che c’ho i soldi in tasca pe’ scoattamme ‘na mercedes (dove so’?)
[strofa 2]
non c’ho più voglia e pazienza, non basta mai
per quanto tu possa di’: “basta”, poi non bastano i soldi che fai (nun bastano)
devi decide’, “magno o pago l’affitto?”
devi marcire, ecco che aspetta a chi non nasce ricco
io c’ho mille motivi per non starmene zitto
so’ sceso mille volte, testimoni al condominio
di lavoro faccio il testimonial
perché in qualche modo vendo il mio prodotto
solamente che il mio incasso è sporco
barre bollenti come roma ad agosto
smetti col pressing, quelle merdate mica te le propso
sto tutto secco e voglio diventa’ gordo (ciccione)
puoi muoverti pure a zig~zag, ma è raro che io misso un colpo
faccio i soldi che posso, poi scappo da ‘sto posto (via)
più veloce dei b~st~rdi che ci stanno addosso (tecco)
più veloce della lingua di chi sparla troppo
so’ stato in street quanto bastava, mo facciamo er chioppo

[ritornello]
‘st’anno è nostro (è nostro), nun ve lasciamo niente (a merde)
se qualche stronzo s’offende, pagasse da beve’ (paga, paga, oh)
giù co’ eddy a scrive’ hit fin quando non succede
che c’ho i soldi in tasca pe’ acoattamme ‘na mercedes, merde
‘st’anno è nostro (è nostro), nun ve lasciamo niente (un cazzo)
se qualche stronzo s’offende, pagasse da beve’ (oh, e paga)
giù co’ eddy a scrive’ hit fin quando non succede
che c’ho i soldi in tasca pe’ scoattamme ‘na mercedes