lirik.web.id
a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z 0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 #

lirik lagu kiazza mob – come stai

Loading...

[strofa 1: rotella]
voglio stare collassato sul divano
fare i soldi andare piano
aiutiamo solo chi ci ama
e chi ci odia deve andare a fare in culo
e fare il bravo
sono caro cara
paro tutti i colpi con la mano destra
suoni in testa ma non mi interessa
io sono la bestia che ti fa la festa
pensa te, la mi crew
sforna dischi, senza sforzi
solo i soldi, tutti i giorni
che cacciamo, tutti i giorni, dalle tasche
giuro molti, chiedi a sonny
pugni forti, siete puffi
non vi vedo, caput biondo
kakarot mondo infame, bravo!
zero paranoie, tu sei un para~troie
saluto dei capi saluta tua moglie
sto rap ti scioglie la tinta combà
suona ‘sta merda che beve alla vita
ci siamo già presi tutta la città
siamo i più grossi di flow
la kiazza ci vuole sul trono si sa
(yeah)

[ritornello: rotella & sonny purini]
come stai? (come stai?)
ti giuro bene (ti giuro bene)
come mai?
ancora non lo so (ancora non lo so)
sì lo so è un casino la mia vita (la mia vita)
ti porterò lontano da questa città (ya)
come stai? (come sta?)
ti giuro bene (ti giuro bene)
come mai?
ancora non lo so (ancora non lo so)
sì lo so è un casino la mia vita (è un casino)
ti porterò lontano da questa città (ya)

[strofa 2: sonny purini]
vendo stili, porto chili
faccio male, l’allerta sale
scava fino all’osso
giusto gusto b~st~~le
tecnico come un orientale
ma con il cazzo grosso (il cazzo grosso)
non dico non posso
come chi si perde nell’ozio (yeah)
in questo mare di merda ci nuoto di dorso
lavo problemi di dosso
scrivo con un flusso che non frena
scorro in piena come un fiume (yeah)
sicuro come una scienza
kiazza militanza violenta, obbiettivo comune (trrrrrr)
con i più veri
guardati oggi, dimentica che hai fatto ieri (yeah)
rappo da più di qualche anno
mo che mi è salito il danno
non si fanno prigionieri (non si fanno prigionieri)
sonny maestro yoda full di droga
brevettata la rota prima di li sumeri
rap di kiazza dritto ai fianchi
smacchia palchi da mcs colrati bianchi e neri (yeah~ya~ya)
poco ci rode delle mode
ma vogliamo banconote no monete
dici “nu lassa perdere, cce sensu tene?
me sape de pigghiata anculu, poi dimme cum’ede”
(dimme cum’ede)
dimme cum’ede ca si nu cugghione e te faci li sordi
qua lu fake nu rappa, spiccia cu na zappa
mi cura li fondi (va zapp’)
finito il tempo delle cazzate, delle storie inventate
finite con il pancione a terra, il capo tagliato e le mani legate
(caput)