lirik.web.id
a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z 0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 #

lirik lagu gorka – dedicato a te

Loading...

[testo di “dedicato a te”]

[intro]
west liguria love song, ehi
mi alzi un pò, un po’ la voce?
yeah, yeah, yeah, yeah, yeah, oh

[ritornello]
dedicato a te che mi dormi sopra al cuore
i tuoi occhi cambiano colore se cambi di umore
dedicato a me che resto senza parole
per spiegare l’amore me ne hai insegnate di nuove
dedicato a noi che ci siamo fatti forza
ci siamo fatti male, lo abbiamo fatto apposta
eh, ti ho scritto una canzone pure se non conosco le note
ma conosco la notte (e mi parla di te)

[strofa 1]
ti ho conosciuta che ero un bimbo
stavo con una ma scopavo in giro
e mi sentivo pure un figo
poi l’ospedale e la questura
ancora non capivo che è troppo facile dire che è il mondo che fa schifo
e pensavo che il mio cuore è il bar della stazione
le persone che incontro ci stanno dentro un paio d’ore
poi scompaiono in un vagone del treno
e dopo manco ci guardiamo come sconosciuti in ascensore
superare gli stati del dolore passando gli stadi della guarigione
coprire il cuore di strati per non provare nessuna emozione
e non fidarsi di amici falsi e puttane
sono sempre di più ma poi arrivi tu
che non sei come gli altri ed ho come l’impressione che ci siamo già incontrati
i tuoi occhi blu quando piangi sono vetri, le ciglia tergicristalli
[ritornello]
dedicato a te che mi dormi sopra al cuore
i tuoi occhi cambiano colore se cambi di umore
dedicato a me che resto senza parole
per spiegare l’amore me ne hai insegnate di nuove
dedicato a noi che ci siamo fatti forza
ci siamo fatti male, lo abbiamo fatto apposta
eh, ti ho scritto una canzone pure se non conosco le note
ma conosco la notte (e mi parla di te)

[strofa 2]
ti amo da quando la tua mano è una diga se piango
e ogni tua carezza è una slitta sul ghiaccio
ti ho portata dove abitavo, non è poi così un postaccio
solo mi sentivo un po’ ostaggio
spegniamo il cellulare, guardiamo le stelle
poi togliamoci i vestiti e spegniamo anche quelle
siamo così vicini che possiamo scambiarci tatuaggi e cicatrici, i tuoi amici possono aspettarti
ogni cosa bella riesco a rovinarla se ripenso a quando te ne sei andata
con l’angioletto sulla spalla che diceva: “sei un coglione”
e il diavolo nell’altra rispondeva: “eh, ha ragione!
baby, fuori meno venti batto i denti per il freddo
tu credi stia ridendo
ti aspetto in piazza possiamo incontrarci
ho un letto a una piazza possiamo incastrarci
[ritornello]
dedicato a te che mi dormi sopra al cuore
i tuoi occhi cambiano colore se cambi di umore
dedicato a me che resto senza parole
per spiegare l’amore me ne hai insegnate di nuove
dedicato a noi che ci siamo fatti forza
ci siamo fatti male, lo abbiamo fatto apposta
eh, ti ho scritto una canzone pure se non conosco le note
ma conosco la notte (e mi parla di te)